Cosa c’è dietro all’acquisto dell’acqua in bottiglia.

Dietro ad un gesto quotidiano come bere l’acqua minerale da una bottiglia di plastica, ci sono una serie di problematiche sulle quali non ci soffermiamo a riflettere e a volte nemmeno ci immaginiamo quali siano i riflessi sulla nostra salute e soprattutto sul pianeta.

  1. La produzione : Ogni anno nel mondo si producono 154 miliardi di bottiglie in plastica per acqua minerale. L’Italia è il primo paese in Europa per consumo di acqua in bottiglia con una media di 206 litri l’anno per persona. Per la lavorazione e la produzione annuale delle bottiglie in plastica (PET) occorrono 450.000 tonnellate di petrolio e 600 miliardi di litri d’acqua. Questa eccessiva produzione rilascia nell’atmosfera un’emissione di gas serra pari a 910.000 tonnellate di CO2, monossido di carbonio, ossidi di zolfo e idrocarburi.
  2. Il trasporto : Il trasporto delle bottiglie d’acqua produce importanti effetti sull’inquinamento atmosferico. Dopo la produzione, l’80% dell’acqua viene trasportata su mezzi di trasporto stradali, percorrendo fino a 1200 km. Quando i volumi imbottigliati superano la reale necessità del territorio, la commercializzazione si espande nelle regioni confinanti, all’intera nazione e al mercato estero. A livello mondiale il 75% dell’acqua in bottiglia consumate in ciascun Paese proviene da altre nazioni, quindi la portata dell’inquinamento che il trasporto dell’acqua determina nel Pianeta aumenta considerevolmente. Inoltre, anche i consumatori utilizzano le loro autovetture per recarsi ad acquistare l’acqua minerale causando anche loro emissioni di inquinanti atmosferici.
  3. Danni per la salute : Molto spesso non si considera il danno diretto che l’acqua assunta dalle bottiglie potrebbe produrre sul nostro organismo. Il materiale utilizzato per le bottiglie in plastica è il Polietilene, detto PET, che a contatto con luce solare puo’ rilasciare nell’acqua alcune particelle dannose per la salute e difatti in ogni etichetta è ben specificato di “conservare al riparo dalla luce solare, in luoghi freschi, lontani da fonti di calore ed odori”. Purtroppo però, tutti noi ogni giorno vediamo coi nostri occhi che presso i supermercati o nei depositi dei trasportatori i bancali sono messi proprio dove non dovrebbero stare : sotto al sole !!

Inoltre, i valori dell’acqua indicati sulle etichette delle bottiglie minerali vengono misurati ed analizzati alla sorgente, ma con il trasporto e lo stoccaggio al sole possono cambiare e possono alterare l’equilibrio acido – basico del nostro organismo.

Hai ancora intenzione di acquistare bottiglie di acqua in plastica per la tua famiglia? L’acqua di rubinetto viene distribuita nelle case senza percorrere neanche un metro su strada, questo è uno dei motivi per cui la qualità ambientale dell’acqua di rete è più elevata rispetto a quella in bottiglia. Tuttavia però anche nell’ acqua di rete si ravvisa qualche elemento sgradito come calcare e cloro, e quindi l’alternativa migliore all’acqua in bottiglia è il trattamento domestico che permette di filtrare e personalizzare l’acqua del rubinetto secondo i propri gusti e necessità (fredda, gasata, alcalina)

K Water progetta e produce sistemi di filtrazione domestica che offrono la possibilità di bere acqua pulita a basso residuo fisso, modificando la quantità dei sali minerali e ottenendo finalmente un’acqua ideale da bere e per cucinare.

Contattaci per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *